• +39 0645615300
  • Via di Boccea, 240 - Roma RM
  • Lun-Ven: 9-20.30 | Sab: 9-20
  • +39 0694538083
  • Via Tuscolana, 1378 - Roma RM
  • Lun-Ven: 9-20.30 | Sab: 9-20
  • +39 0645440741
  • Via Tuscolana, 751 - Roma RM
  • Lun-Ven: 9-20.30 | Sab: 9-20

Endodonzia: Salvaguardare il Tuo Sorriso con la Terapia Canalare Avanzata

L’Endodonzia è la scienza medica che ha per oggetto lo studio della cavità interna del dente.
Il trattamento endodontico è un intervento odontoiatrico ambulatoriale che si rende necessario quando la polpa (il tessuto molle interno al dente) è infiammata o infetta per un danno provocato da una carie profonda, dall’esito di interventi sul dente, o da un trauma (grave e improvviso o più leggero ma ripetuto) che ha provocato frattura o scheggiatura o incrinatura profonda.

Quando si arriva a questo stadio la cura conservativa che consente di mantenere il dente evitando l’estrazione è la terapia endodontica, o cura canalare o anche più impropriamente devitalizzazione.

Il trattamento consiste nella rimozione della polpa (nervo dentale) infiammata e infetta, presente all’interno del dente e per tutta la lunghezza delle radici, e nella sua sostituzione con un’otturazione permanente in guttaperca e cemento canalare, previa adeguata detersione e sagomatura dei canali radicolari.


Il protocollo odontoiatrico prevede che l’elemento sottoposto a trattamento endodontico, venga poi ricoperto da una capsula, prima provvisoria e poi definitiva.
Questo per evitare eventuali fratture a carico del dente indebolito dalla cura.


La percentuale di successo di una cura canalare corretta è, in condizioni normali, elevatissima. La stessa diminuisce nei casi di ritrattamento endodontico, quando cioè è necessario ripetere la procedura per un insuccesso precedente (errori d’esecuzione, complessità anatomiche, difficoltà obiettive).

In alcuni casi potrebbe manifestarsi un’infezione all’apice di un dente devitalizzato in passato. Se non è indicato effettuare il ritrattamento potrebbe essere necessario intervenire con un’apicectomia, ossia la rimozione chirurgica dell’apice.